1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione

Contenuto della pagina

Bando per la valorizzazione del patrimonio culturale rurale

Il patrimonio culturale materiale ed immateriale non è solo la nostra storia ed identità ma è anche possibile fonte di modelli per uno sviluppo sostenibile. Nell’ambito del programma comunitario Horizon 2020, dedicato al sostegno alla ricerca ed all’ innovazione, è stato lanciato un bando dedicato ad azioni pilota per la valorizzazione del patrimonio culturale rurale, che segue quello dell’anno precedente dedicato al patrimonio urbano.
Scopo della misura è quello d’individuare, studiare ed implementare modelli che, a partire dal ripristino ambientale e paesaggistico realizzino percorsi innovativi per assicurare sviluppo economico,competitività, occupazione e benessere sociale, individuando appunto nel patrimonio culturale rurale un driver per un modello sostenibile di crescita. Particolare enfasi viene posta sul ruolo dei “replicatori”, quali soggetti operanti sul territorio chiamati a dare effettivamente implementazione al modello-pilota proposto.
I progetti dovranno includere necessariamente azioni di:
- mappatura, studio ed analisi di siti ed elementi costitutivi del patrimonio culturale rurale, coinvolgendo attivamente gli stakeholders (autorità locali, cittadini, imprese, associazioni ed organismi della società civile), anche al fine di sviluppare ipotesi di sviluppo di attività imprenditoriali, di normative e sistemi di tutela, di pianificazione territoriale, di capacità di raccogliere risorse anche mediante partenariati pubblico-privati e fondi strutturali e d’investimento UE;
- identificazione delle problematiche e criticità che si frappongono al pieno sviluppo del schema di valorizzazione proposto;
- sostegno ai “replicatori” con assistenza tecnica, legale e finanziaria;
- sviluppo di metodi che favoriscano la replicazione e l’implementazione locale dei modelli;
- monitoraggio di lungo periodo;
- implementazione di una piattaforma di condivisione che consenta la divulgazione, il pubblico accesso a dati e risultati, lo scambio delle migliori pratiche ed esperienze.

Possono promuovere le proposte progettuali di valorizzazione del patrimonio culturale rurale partenariati e consorzi composti da almeno tre entità legalmente costituite da tre diversi paesi UE (sono incluse amministrazioni pubbliche, imprese, università ed enti di ricerca, organismisenza scopo di lucro). Particolarmente incoraggiata è la partecipazione dei soggetti che gestiscano interventi finanziati dal Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici .
Il budget complessivamente assegnato alla misura è pari a 10 milioni di euro .Le proposte dovranno essere presentate online entro il 5 settembre 2017.
Per ogni ulteriore informazione consultare la pagina:
http://ec.europa.eu/research/participants/portal/desktop/en/opportunities/h2020/topics/sc5-21-2016-2017.html