1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione

Contenuto della pagina

Cambio di residenza

in tempo reale

Dal 9 maggio 2012 è cambiata la normativa anagrafica: il D.L.5/2012 convertito in L..04/04/2012, n.35, all’art.5 ha previsto che i cambi di residenza avvengano in tempo reale.

 
Abolizione certificati

Ciò significa che le registrazioni anagrafiche (immigrazioni da altro Comune o dall’Estero, cambi di domicilio all’interno del Comune) sono effettuate entro 2 giorni lavorativi dalla presentazione della dichiarazione e, quindi, diventano efficaci non appena la registrazione è effettuata (gli effetti giuridici decorrono dalla data di presentazione).
Successivamente alla registrazione vengono effettuati i controlli sulla sussistenza dei presupposti di legge: ovvero il requisito della dimora abituale all’indirizzo dichiarato e, per i cittadini comunitari e stranieri, anche il possesso delle altre condizioni previste dalla legge.
Qualora nei 45 giorni successivi non venga comunicata all’interessato la mancanza dei requisiti, la registrazione anagrafica si intende confermata.

ATTENZIONE: Il D.L. 28.03.2014, n. 47 “Misure urgenti per emergenza abitativa, per il mercato delle costruzioni e per Expo 2015”, pubblicato sulla G.U. in data 28.03.2014 ed entrato in vigore il 29.03.2014, all’articolo 5 “Lotta all’occupazione abusiva”, dispone: “ Chiunque occupa abusivamente un immobile senza titolo, non può chiedere la residenza né l’allacciamento a pubblici servizi in relazione all’immobile medesimo e gli atti emessi in violazione di tale divieto sono nulli a tutti gli effetti di legge”. Pertanto, il cittadino che faccia richiesta di iscrizione/variazione anagrafica, dovrà:
a) compilare il modello di dichiarazione di residenza, reperibile dalla modulistica pubblicata sul sito dell' Amministrazione Trasparente (Atti e Procedimenti > Modulistica procedimenti), selezionare "Modulistica Settore Demografico" raggiungibile dal link a fondo pagina;
b) nel caso di trasferimento della residenza in un immobile di Edilizia Residenziale Pubblica, allegare copia del contratto di locazione o del verbale di consegna dell’immobile, debitamente sottoscritti dall’Ente Gestore.
In assenza dei documenti sopra indicati, attestanti la regolarità del titolo di occupazione, la dichiarazione di residenza sarà irricevibile.

Un’altra novità introdotta dal DL N.5/2012 riguarda le modalità con le quali le dichiarazioni possono essere presentate:
- attraverso lo sportello comunale;
- per raccomandata;
- per fax;
- per via telematica.
Quest’ultima possibilità è consentita ad una delle seguenti condizioni:
- che la dichiarazione sia sottoscritta con firma digitale;
- che l’autore sia identificato dal sistema informatico mediante l’uso di Carta d’identità elettronica, della carta nazionale dei servizi, o comunque con strumenti che consentano l’individuazione del soggetto che effettua la dichiarazione;
- che la dichiarazione sia trasmessa attraverso la casella di posta elettronica certificata del dichiarante;
- che la copia della dichiarazione recante la firma autografa e la copia del documento di carta d’identità del dichiarante sia acquisita mediante scanner e trasmesse per posta elettronica semplice.
La dichiarazione si presenta utilizzando i nuovi modelli predisposti dal Ministero dell’Interno (scaricabili dai link riportati a fine della presente pagina), da inviare compilati all'indirizzo: SERVIZI DEMOGRAFICI,  Via Vittorio Emanuele II n. 196, 85029 Venosa PZ - Tel. 0972/308629 - Fax 0972 308637.
Le modalità di presentazione della dichiarazione, sono le seguenti:
- per raccomandata;
- per Fax al n. 0972/308637;
- per via telematica, tramite posta elettronica certificata all’indirizzo (P.E.C.) comune.venosa@certposta.biz; oppure tramite posta elettronica ordinaria all’indirizzo protocollo@comune.venosa.pz.it;

PER LA RICEVIBILITA’ DELLE DOMANDE E’ ESSENZIALE CHE LE STESSE SIANO COMPILATE CORRETTAMENTE NELLE PARTI OBBLIGATORIE DEL MODELLO RELATIVE ALLE GENERALITA’, CHE SIANO INOLTRE ACCOMPAGNATE DALLA COPIA DEL DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO E, PER I CITTADINI STRANIERI,ANCHE DALLA COPIA DEL DOCUMENTO ATTESTANTE LA REGOLARITA’ DEL SOGGIORNO.
N.B. In caso di dichiarazioni non corrispondenti al vero si applicano gli artt.75 e 76 del D.P.R. 445/2000,i quali dispongono rispettivamente la decadenza dei benefici acquisiti per effetto della dichiarazione ed il ripristino della posizione anagrafica precedente, come non fosse mai intervenuta alcuna, modifica,nonché il rilievo penale della dichiarazione mendace,oltre alla segnalazione alle Autorità di pubblica sicurezza.